EDITH STEIN
EDITH STEIN

1° Guerra Mondiale

SCHEMA

Il contesto: 

  1. competizione franco-tedesca dopo la sconfitta francese del 1870 a Sedan

  2. rivalità navale anglo-tedesca per la questione dell'Alsazia e Lorena 

  3. irridentismi balcanici.

Evento scatenante: l'assassinio a Sarajevo, per mano serba, dell'arciduca Francesco Ferdinando

d’Asburgo(28/6/14).

La Germania dichiara guerra alla Russia (1 agosto), poi alla Francia (3 agosto), violando la neutralità del Lussemburgo. Questo atto di forza decide l'ingresso in guerra della Gran Bretagna contro la Germania. Poche settimane dopo anche il Giappone entra nel conflitto in quanto alleato

della Gran Bretagna.

Francia, Gran Bretagna e Russia sanzionano il famoso patto di Londra (4/9/1914)

La Turchia, timorosa della Russia e legata alla Germania si unisce agli Imperi Centrali chiudendo gli stretti alla navigazione commerciale.

Il Portogallo si schiera a fianco dell'Intesa, mentre l'Italia rimane neutrale per la mancata

consultazione da parte degli alleati e il carattere offensivo della guerra ne giustifica

giuridicamente la posizione.

 

Tappe principali:

1 – Fronte occidentale: offensiva tedesca alla Francia, attraverso il Lussemburgo e dopo alterne

vicende il fronte si fissa su una linea trincerata che taglia il Continente dalla costa belga fino alla

neutrale Svizzera.

2 – Fronte orientale: la disfatta dell'Austria contro la Russia induce i tedeschi ad intervenire con gli austriaci. I Tedeschi riescono a impedire l'invasione del proprio territorio, bloccando anche

l'offensiva contro gli austriaci.

3 – Terzo fronte: il 9/12/1914 il governo italiano chiede all'Austria compensi territoriali per la sua

avanzata nei Balcani, che sono rifiutati fino alla conclusione del patto segreto di Londra

(26/4/1915) con cui l'Italia si impegna a dichiarare guerra all'Austria. L'Italia non riesce a spezzare

la difesa nemica, ma l'Austria si vede costretta a inviare forze sempre più numerose sul nuovo

fronte.

4 – Offensiva austro tedesca: i tedeschi, pur ottenendo un grande successo, non riescono a

ottenere una pace separata con la Russia chiudendo il 1915 con il rafforzamento degli imperi

centrali ad oriente.

 

Gli sviluppi del 1916

1 – Fronte occidentale: nonostante perdite imponenti di mezzi e di uomini, in nessun

punto si avanza più di 5 km.

2 – Fronte italiano: le battaglie continuano nello schema degli impegni di logoramento.

3 – Fronte orientale: nonostante le offensive francesi e italiane sui vari fronti, avviene il

ricongiungimento delle due grandi armate, con l'occupazione di Bucarest.

4 - Britannici e russi arrivano rispettivamente alle soglie della Palestina e in Iran.

5 – La guerra sui mari: si rivela più fruttuosa (usando anche i tedeschi una nuova arma, quella del

sottomarino), ma dopo l'affondamento del piroscafo statunitense Lusitania, per evitare problemi con gli USA viene usato solo nel Mediterraneo.

 

Gli sviluppi del 1917

1 – Fronte Occidentale: consente all'intesa un'avanzata di 10 Km, ma la controffensiva tedesca ne

annulla di colpo i vantaggi

2- Fronte orientale:con l'occupazione tedesca di Riga la Russia, l'Ucraina e la Romania concludono la pace, per lo sfacelo dell'esercito russo.

3 – Intervento Usa: il 6/4/1917 il governo degli USA dichiara guerra alla Germania. I belligeranti hanno idee molto diverse tra loro, ma, accettando l'Intesa i 14 punti formulati dal presidente USA

Wilson, determinano  il prevalere degli ambienti politici tedeschi favorevoli alla pace.

4 – Fronte italiano: i generali Cadorna e Diaz arrestano l'offensiva franco-tedesca sul Piave.

Un'armata anglo-francese imbastisce una linea di difesa sul Mincio.

5 – A fianco dell'Intesa nel 1917 entra anche la Grecia

6 – La guerra sui mari: non potendo la Gran Bretagna sopravvivere e gli USA trasportare in Europa uomini, mezzi e viveri a causa dei sottomarini tedeschi, viene fatto uno sbarramento di mine di circa 400 Km mentre navi pattuglia scaricano granate esplodenti contro i sottomarini tedeschi

 

 

Gli sviluppi del 1918

1 – Fronte occidentale: varie offensive in Francia con tre successi che sono considerati presagi di

vittoria, mentre gli austriaci scatenano l'offensiva sul fronte italiano.

2 – la battaglia del Piave: attaccano gli austriaci, ma la controffensiva di Diaz, in pochi giorni induce il nemico alla ritirata.

3 – Controffensiva e vittoria alleata: tra ottobre e novembre, gli alleati respingono progressivamente le forze tedesche da tutto il fronte occidentale.

4 – L'offensiva italiana: è liberata Vittorio Veneto e, mentre gli austriaci trattano la resa, le forze

italiane raggiungono Trento e Trieste.

5 – Le operazioni in Medio Oriente: la Turchia sottoscrive la resa incondizionata.

6 – Armistizi e trattati di pace: con i vari trattati la Germania perde le colonie, la flotta militare e

mercantile, alcuni distretti minerari con l'imposizione di avere un esercito non superiore a 100.000

uomini. L'Italia ottiene il confine alpino, con però molte decisioni rinviate e modificate negli anni

successivi.

 

Le conseguenze della guerra

Segna una svolta epocale per la diffusione delle armi automatiche, lo sviluppo delle

telecomunicazioni e il massiccio impiego dei mezzi motorizzati.

La leva di massa e le spese militari determinano la mobilitazione totale del Paese belligerante.

Il disagio del dopoguerra, investe nuovamente le società europee: movimento operaio, movimento

delle donne, nuove formazioni politiche, provocando scompensi politici e istituzionali.

L'Europa ne esce indebolita, gli USA si coinvolgono nelle vicende politiche europee, mentre la

Russia fonda l'Internazionale Comunista (1919).

Alla Germania sono imposte condizioni politiche, economiche e militari tanto aspre da rivelarsi

presto irrealistiche.

Più in generale fallisce il tentativo della Società delle Nazioni (1919) di costruire un organismo per un nuovo sistema di rapporti internazionali.

 

 

 

Trasmissioni radio

Conversazioni andate in onda sull'emittente cattolica "Radio Mater".

 

Clicca qui

Archivio Edith Stein

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Edithstein Via Santa Maddalena 2 20900 Monza Partita IVA: